Le meravigliose spiagge della Sardegna

Sassari

Stintino Sardegna

Stintino è un paese che si trova proprio a ridosso del promontorio superato il quale si giunge nell’isola dell’Asinara, un paradiso naturalistico che si trova sulla costa nord della Sardegna, in provincia di Sassari. Ed è proprio Stintino il paese da cui partono la maggior parte delle imbarcazioni alla volta della splendida isola, diventata, dopo il suo passato di prigione, una riserva naturale protetta, dove si rifugiano interessanti ed uniche specie di animali e di vegetazione.

Tramonto a Stintino

Tramonto a Stintino

 

Chi non si avventura verso le belle spiagge dell’isola Asinara e resta sulla terra ferma ha a disposizione alcune spiagge che hanno reso famoso questo piccolo paesino di nemmeno duemila abitanti tra gli estimatori del mare.

Qui infatti si possono si possono trovare tante incantevoli località dove bagnarsi e nuotare. Tra queste la più famosa è sicuramente la spiaggia de La Pelosa, dominata dai resti di un’antica torre di guardia costruita in epoca medievale, una distesa di sabbia bianca che si estende per qualche chilometro lungo la parte interna del Golfo dell’Asinara, sabbia fine e quasi impalpabile, che si affaccia su un mare dai colori intensi e pittoreschi.

Alle spalle della spiaggia si trovano alte dune di sabbia conquistate dai tenaci arbusti della macchia mediterranea, il ginepro, il mirto, il rosmarino. E’ una località molto frequentata dai turisti, e d’estate può essere altamente affollata. Vi si possono trovare tutti i tipi di servizi per chi è alla ricerca delle comodità, dagli ombrelloni alle sdraio a noleggio, alle attrezzature per dedicarsi agli sport d’acqua. E’ uno degli “spot” favoriti anche dagli appassionati di windsurf.

Sassari

Sassari, una delle province della Sardegna si trova leggermente nell’entroterra davanti al Golfo dell’Asinara, nel nord della Sardegna.

La bella cittadina, di cui si anno notizie già intorno all’anno mille, è sicuramente stata abitata, nei dintorni, sin dal periodo neolitico.

Litorale sassarese: Platamona

Litorale sassarese: Platamona

Qui infatti si può ammirare, un sito archeologico con una struttura muraria le cui origini sono sicuramente antichissime, l’altare preistorico di Monte d’Accoddi, che si trova a pochi chilometri dalla città, caratterizzato dalla sua singolare ed originale architettura a grandi gradoni che si innalza verso il cielo. La cittadina possiede altri importanti esempi della sua vitalità durante l’epoca medievale, il Castello, parte delle mura che cingevano la città, diverse chiese risalenti al dodicesimo, quattordicesimo secolo, e diversi palazzi che testimoniano della profonda importanza ed influenza degli spagnoli sull’isola, in particolare della comunità catalana.

Il tratto di costa poco distante dalla cittadina è uno spettacolo di lunghe spiagge, come Platamona, una distesa di sabbia che si allunga fino a toccare le spiagge intorno a Porto Torres, e che già dagli anni ’60 ha conosciuto un forte turismo di massa.

La si può raggiungere da Sassari dopo aver attraversato diversi boschi di profumati pini marittimi, e dopo aver valicato una serie di dune che nascondono alla vista lo splendore del mare fino all’ultimo momento.

La sabbia è finissima e bianca, ed il mare presenta fondali bassissimi.

Verso ovest arriviamo alle splendide località del litorale di Porto Torres, mentre verso est troviamo altre località interessanti a Marina di Sorso, ed ancora verso est Eden Beach.