Le meravigliose spiagge della Sardegna

miniere

Montevecchio Marina

Montevecchio Marina era un tempo conosciuta soprattutto perchè l’area era densamente sfruttata dalle industrie di estrazione mineraria, come testimoniano la presenza di diversi insediamenti abitati e cantieri industriali, Ingurtosu per esempio, che un tempo era abitati dai minatori, ed oggi è completamnte disabitata, oppure il cantiere di Piccalinna, nato alla fine dell’ottocento ed oggi anch’esso abbandonato.

Insenatura in Sardegna

Insenatura in Sardegna

Anche a Montevecchio le attività di estrazione erano molto intense, qui si estraevano piombo e zinco. Oggi tutta quest’area, altamente interessante sia per la storia che per l’architettura industriale è compresa all’interno di un Parco Geominerario promosso dalla Regione Sardegna con l’intento di preservarne intatte le caratteristiche e la bellezza di antico borgo minerario dove si possono ammirare grazie a visite guidate l’ingresso ai pozzi di estrazione, le palazzine in stile liberty dei centri direzionali una delle quali diventata museo.

Attualmente Montevecchio è poco abitato, ed in paese si possono ammirare ancora gli edifici di quella che un tempo era una popolosa e vivace cittadina.

Su lungomare una serie di spiagge di notevole bellezza, a partire da Funtanazza, dove sorge lo scheletro di quella che un tempo era una colonia costruita per i figli dei minatori, oggi abbandonata.

Una baia discretamente grande che si apre tra due promontori, con una spiaggia di sabbia dorata ed ancora parte delle antiche strutture balneari della colonia.

Verso sud la costa si fa rocciosa, ma di quelle bellissime scogliere lisce e levigate di granito, che permettono sia la sosta che l’ingresso nell’acqua senza alcuna difficoltà.

Notevoli per bellezza i fondali, pressochè incontaminati e ricchissimi di pesci e creature marine di ogni genere.