Le meravigliose spiagge della Sardegna

Spiagge dell’isola di Molara

L’isola di Molara si presenta come un solido ammasso di rocce granitiche a poca distanza dalla grande e squadrata isola di Tavolara, con cui condivide il fatto di essere praticamente abbandonata e disabirtata dall’uomo ma in compenso ricca di molte specie di uccelli migratori che qui nidificano e sostano nelle loro lunghe migrazioni verso i caldi territori del sud.

Scogliere

Scogliere

Il territorio è verdeggiante, ricco di cespugli fragranti di profumi della macchia mediterranea, e all’interno, avventurandosi lungo la mulattiera che percorre l’isola da un capo all’altro si può godere di una vista incomparabile su buona parte della splendida costa nord orientale della Sardegna, con l’isola di Tavolara ed il Capo Coda di Cavallo. Si può anche ammirare, una volta giunti in una delle poche insenature dell’isola, Cala di Chiesa, un antico villaggio medievale, Gurguray, che oggi si presenta completamente abbandonato. Poco distante dal borgo un piccolo castello sulla costa eretto per difendere gli abitanti dalle incursioni dei pirati. Poco distante un’altro famoso gruppo di rocce di granito che l’erosione ha scolpito in una figura suggestiva, la Pietra del Dinosauro.

E’ una località ideale da raggiungere in escursione, e dalle cittadine della costa sarda che si affacciano sul mare in quest’area, come San Teodoro, è possibile trovare chi offre i servizi di escursione in barca o in gommone, che toccano sia le calette di Molara ma anche affascinanti località lungo la costa, dalle insenature di Cala Coda di Cavallo alla spiaggia di Brandinchi alle maestose scogliere della costa sud della Tavolara, con le sue grotte e le pittoresche sculture di pietra di Roccia del Papa e l’Arco di Ulisse, oppure ancora la Grotta della Chiave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.