Le meravigliose spiagge della Sardegna

Oristano

Oristano nasce intorno all’anno mille su precedenti insediamenti che hanno origini nella fortissima presenza fenicia e cartaginese sulle coste sarde, testimoniata ancora oggi dai tanti siti archeologici disseminati lungo tutti i litorali dell’isola, Nora, Tharros, Bithia.

Spiaggia di Torregrande a Oristano

Spiaggia di Torregrande a Oristano

E’ situata nell’area ad ovest della Sardegna, un territorio sin dall’antichità conosciuto e sfruttato per i tanti giacimenti minerari che possiede, dal ferro all’oro, dal piombo allo zinco.

La bellezza cittadina è caratterizzata da un ricco numero di monumenti da visitare, come la Cattedrale, duecentesca e rifatta poi in epoca barocca con un bel campanile che sorge a fianco, la Torre Mariana, unico resto dell’antica cinta muraria insieme alla Torre Portixedda che chiudeva la città, diversi palazzi notarili tra i quali si segnalano per imponenza soprattutto il Seminario Vescovile, ed il sontuoso e seicentesco Palazzo degli Scolopi, ora sede del consiglio comunale.

Di particolare rilevanza la collezione archeologica proveniente dagli scavi nella vicina città fenicia di Tharros e dall’antica civiltà nuragica, conservati nell’Antiquarium Arborense.

Interessanti anche le tradizioni popolari, che a Oristano hanno un loro culmine nella medievale manifestazione della Sartiglia, con cavalieri mascherati, tamburi e torneo, una ricorrenza che mantiene inalterata nel tempo la sua tradizione.

Tra le spiagge ed il lungomare di Oristano si segnalano la grande spiaggia di Torregrande, la più frequentata dagli abitanti di Oristano, una distesa di sabbia a grana grossa e ghiaia molo lunga e circondala di palme, tanti locali, stabilimenti balneari e sovrastata dall’imponente sagoma della torre di guardia Sa Turri Manna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.