Le meravigliose spiagge della Sardegna

Spiagge Sardegna

Spiaggia di Porto Alabe

La spiaggia di Porto Alabe si trova a pochi chilometri da Bosa, nella costa occidentale della Sardegna, appena più a nord della splendida Costa Verde, con le sue magnifiche attrattive naturali e lo splendido mare.

Litorale a Bosa Marina

Litorale a Bosa Marina

Ed anche qui non si rimpiangono di certo le altre località della zona, visto che in quanto a spiagge e ad attrattive naturali, il territorio del comune di Bosa ne ha da offrire di affascinanti e numerose.

Porto Alabe, sita a poca distanza da un’altra spiaggia del comune di Bosa, Bosa Marina, è una delle più larghe e lunghe spiagge dell’area.

Qui la sabbia si tinge di incredibili sfumature rosa, grazie alla presenza di minuti cristalli di quarzo. L’area è inserita, quasi incastonata come un gioiello tra un panorama di suggestive scarpate rocciose, le falesie, di roccia basaltica,che si gettano ripidamente in mare da altezze considerevoli. Alle spalle il panorama è sottolineato da una serie di colline che hanno origine vulcanica, e che qui vengono chiamate rias.

Oltre alla spiaggia più estesa, superando piccoli raggruppamenti di scogli levigati dall’acqua e dal vento, si possono trovare incantevoli e solitarie insenature, per coloro che alla folla preferiscono la pace ed il silenzio.

Il paese omonimo che si affaccia sulla spiaggia presenta moltissime opportunità per chi volesse soggiornare qui. E’ un ottima occasione per incontrare tanta gente, visto che il paese d’inverno non ha che poche centinaia di abitanti, mentre d’estate si trasforma in una vivace ed affollatissima località turistica, con tutti i servizi immaginabili, compresi diversi ristoranti, locali notturni e discoteche.

Spiaggia di Foxi

La spiaggia di Foxi è un incantevole tratto di sabbia bianca e finissima che si trova a poca distanza da altre due spiagge famose, sa Pranargia e sa Marina, nella costa orientale della Sardegna, lungo la SS 125, a poca distanza dal paese e prendendo la direzione per Buon Cammino.

Scogliere levigate dal mare

Scogliere levigate dal mare

Grazie alla presenza dei fondali sabbiosi così chiari qui il colore delle acque assume colorazioni altamente seducenti ed affascinanti, con variazioni cromatiche che vanno dal turchese al verde smeraldo.

La località ha questo nome dalla parola sarda foxi, che significa “foce”, e deriva proprio dalla presenza della foce di un torrente, il Bau Enì che si getta nel mare in questo punto, arido ed asciutto durante il periodo estivo e ricco di acque e torrentizio nelle stagioni autunnali ed invernali più piovose.

La presenza del fiume ha contribuito allo sviluppo della tipica vegetazione palustre, nella quale trovano rifugio diverse specie di uccelli migratori, un altro motivo che rende particolarmente appetibile la spiaggia anche per chi è appassionato di paesaggi naturalistici. Più lontano del bacino del torrente la vegetazione si presenta nella sua ricchezza di macchia mediterranea ed eucalipti.

La spiaggia è ben attrezzata per tutte le esigenze, compresa la presenza di diversi locali che di giorno offrono servizio bar e ristorazione e la notte diventano vivaci locali notturni, per trascorrere serate in allegria sullo splendido lungomare.

Non manca la possibilità di fare winsurf e kitesurfing, grazie alla posizione ventilata della spiaggia, e, per gli amanti delle immersioni, una serie di fondali marini molto interessanti e pittoreschi.

Spiaggia di San Nicolao

La spiaggia di San Nicolao è sita in una delle zone più belle della Sardegna, la Costa Verde, un angolo di paradiso pressochè incontaminato che ancora oggi ha conosciuto uno scarso sviluppo turistico, perchè l’area era un tempo più sfruttata per i giacimenti minerari. La Costa verde si trova nel litorale sud occidentale della Sardegna, tra Capo Pecora e Montevecchio Marina.

Capo Pecora

Capo Pecora

Le piccole cittadine che si trovano qui, tra le quali Masua, Buggerru e Nebida stanno solo oggi timidamente attrezzandosi per l’accoglienza turistica. La bellezza del territorio è oltremodo garantita dal fatto che la maggior parte dell’area è sottoposta a vincoli di carattere paesaggistico ed architettonico, volti proprio ad impedirne lo sfruttamento esasperato e la cementificazione selvaggia.

Ciò fa si che questo sia uno dei tratti di mare preferiti da coloro che amano la solitudine, la calma e la pace e rifuggono dalle affollate località balneari ricche di servizi.

La spiaggia di San Nicolao si trova a nord del paese di Buggerru, ed è proprio uno di questi luoghi incantati dove ci si trova da soli di fronte al vasto mare, tra la verdeggiante distesa della macchia mediterranea. Sulla spiaggia appena un paio di chioschi, e per il resto una lunga distesa di sabbia, davanti ad un mare intensamente azzurro. Essendo una zona altamente isolata anche chi volesse fare campeggio libero, nel rispetto della natura e dell’ambiente può installarsi nell’area, a patto di non mettersi direttamente sulla spiaggia ma leggermente discosto da questa.

Spiaggia di Santa Margherita

La spiaggia di Santa Margherita si trova nel tratto di costa cagliaritano a poca distanza da Pula. E’ una delle località più interessanti per chi si reca in vacanza in Sardegna, perchè oltre a godere di uno splendido mare si può cogliere l’occasione per visitare uno dei siti archeologici più interessanti della regione, l’antica città di Nora, un insediamento fondato dai fenici in un epoca molto remota, si parla addirittura del IX secolo Avanti Cristo.

Paese sulla costa sarda

Paese sulla costa sarda

Da visitare anche una più antiche chiese della Sardegna, Sant’Efisio la torre di Coltellazzo, ed il nuraghe di Domu’e S’Orcu.

Santa Margherita è invece una località moderna, che offre alberghi e villaggi, e l’unico edificio di un certo valore storico è la torre d’avvistamento (Cala d’Ostia) e Villa Santa Maria, costruita poco prima della metà dell’800.

Per quanto riguarda la spiaggia, essa si trova in una splendida posizione, orientata in modo da essere costantemente protetta dai forti venti di maestrale, garantendo quindi anche in presenza di forti folate un mare calmo e tranquillo all’interno della baia. La presenza dei venti è comunque un’ottima opportunità per coloro che amano il windsurf, e che quindi accorrono numerosi su questo tratto di mare. Un altro vantaggio della presenza del vento è la temperatura mite e sopportabile anche nei mesi più caldi come luglio ed agosto.

La spiaggia di Santa Margherita si divide in diverse località, che prendono il nome dagli stabilimenti balneari presenti o dalle strutture turistiche che sorgono alle spalle.

Questa è anche una zona dove si può facilmente trovare una buona sistemazione per quanto riguarda il pernottamento, e, tra le altre possibilità anche alcuni villaggi turistici di gran lusso.

Spiaggia di Sant’Antioco

Sant’Antioco sorge su un’isola separata dalla Sardegna da uno stretto canale e collegata da un ponte alla terraferma. E’ un pittoresco villaggio tutto compreso nello stretto tratto di mare che lo separa dalla Sardegna, sul quale hanno trovato posto anche le strutture portuali ed i tanti moli dove sono ormeggiate le barche dei pescatori.

Tramonto a Calasetta

Tramonto a Calasetta

Intorno all’isola la costa è rocciosa, dalla tipica conformazione levigata e liscia del granito quando è sottoposto all’intenso lavorio di erosione degli agenti atmosferici.

Alcune insenature rocciose sono assolutamente da non perdere, il mare assume fantastiche tonalità che si sposano come in un quadro al colore acceso, rosso o rosato delle rocce ed al verde intenso della macchia mediterranea. Ma non mancano anche tratti di spiaggia, che si possono trovare allontanandosi dal paese.

Tra queste una serie di spiagge particolarmente belle si trovano dirigendosi verso sud, in direzione di Maladroxia, a circa dieci chilometri da Sant’Antioco. Qui troviamo Cala Sperone, dominata dalla torre cinquecentesca che svetta a poca distanza dalla spiaggia, Coaquaddus, Cala di Torre Canai e Maladroxia, forse le più amate e frequentate dai bagnanti e dai turisti. Sul versante opposto, a sud est, troviamo altre spiagge interessanti di Porto della Signora e Cala Sapone, ed un’incantevole piccola insenatura tra le alte scogliere, Cala Lunga. Da non perdersi il magnifico scorcio della Grotta delle Sirene, sempre sullo stesso tratto di costa. Nel nord dell’isola, a Calasetta, altre due incantevoli e grandi spiagge di sabbia bianchissima, Spiaggia Grande e Salina.

Spiaggia Tonnara

La spiaggia Tonnara si trova nel nord ovest dell’isola di Sant’Antioco, una delle isole facenti parte dell’arcipelago del Sulcis. L’isola di San’Antioco è particolarmente interessante e bella da visitare perchè possiede una notevole serie di attrattive sia dal punto di vista degli amanti del mare che di coloro che sono affascinati dai paesaggi naturali incontaminati e selvaggi.

Panorama da Tonnara

Panorama da Tonnara

A poca distanza da Calasetta, un piccolo comune a nord di Sant’Antioco prendendo in direzione sud verso Punta Maggiore troviamo dunque questa piccola ma stupenda spiaggia, caratterizzata dalla presenza della tonnara, uno stabilimento che un tempo era adibito alla lavorazione del tonno, una delle risorse dell’isola fino a qualche decennio fa.

Davanti allo stabilimento si apre un lungomare di notevole bellezza, caratterizzato da una serie di spiagge, che qui assumono colorazioni magnifiche ed altamente pittoresche, il bianco opalino della sabbia, il turchese ed il verde smeraldo del mare, il rosso rosato e grigio delle rocce granitiche ed il verde scuro, intenso, della macchia mediterranea.

I fondali, subito davanti alla striscia di sabbia si fanno ben presto rocciosi, e ciò garantisce emozioni indimenticabili per tutti quelli che si tuffano con maschera e pinne, e per i pescatori subacquei che qui possono conquistare magnifiche prede.

Per coloro che desiderano pernottare in questa località ci sono diverse opportunità, tra le quali hotel , villaggi turistici in prossimità di Punta Maggiore anche un campeggio piacevolmente attestato su un terreno a terrazze con vista sul mare. Nei dintorni un’altra bella spiaggia da non perdere è Cala Sapone.

Spiaggia Marina di Arbus

Marina di Arbus è una delle località che da pochi decenni hanno conosciuto un certo sviluppo turistico grazie al ritrovato interesse per un’area della Sardegna che fino a pochi anni fa era totalmente al di fuori delle rotte turistiche e degli appassionati del mare.

Arbus er anticamente una zona mineraria

Arbus er anticamente una zona mineraria

Qui siamo nel pieno cuore di quella parte di territorio chiamato Costa Verde, che si estende nella Sardegna sud occidentale, in una zona un tempo frequentata solo per la presenza di industrie estrattive.

E’ proprio la sua natura selvaggia ed isolata ed il fatto di essere difficilmente accessibile ad aver permesso a questo tratto di costa di mantenere inalterato il suo paesaggio verdeggiante di macchia mediterranea e di incantevoli spiagge assolate, circondate di altissime dune e separate da gruppi di scogli ed alte falesie.

Anche a Marina di Arbus si possono dunque ammirare spettacolari e candide distese di sabbia, contornate dalle dune, sulle quali fiorisce la più tenace macchia mediterranea che allieta l’atmosfera con i suoi profumatissimi effluvi. Tra queste, a parte le numerose discrete calette ed insenature troviamo la spiaggia di Scivu, dalla sabbia bianca e finissima, che si affaccia su un mare ricco di pesci e la spiaggia di Piscinas, forse una delle più famose per via delle altissime dune di sabbia, alcune alte anche 100 metri che si spingono per ben 2 chilometri all’interno della costa, oggi considerate dall’Unesco patrimonio dell’umanità. Qui è possibile anche fare campeggio libero, ma non è concesso montare tende o fermarsi con i camper né sulla spiaggia né tra le dune.

Spiaggia di Marina di Torre Grande

La spiaggia di Marina di Torre Grande è una delle più note e conosciute della zona di Oristano, da cui dista appena 7 chilometri, e quindi viene un po’ considerata come la spiaggia principale degli abitanti della cittadina.

Le scogliere vicino a Oistano

Le scogliere vicino a Oistano

La località è magnifica, per una serie di ragioni. In primo luogo la qualità e la bellezza delle acque del golfo di Oristano che vengono ad adagiarsi con le mille sfumature del blu, dell’azzurro e del turchese sulla bella distesa di sabbia. Quest’ultima rappresenta l’altro grande fattore che rende questa località così amata ed apprezzata, larga, lunga, costituitasi nel corso del tempo grazie ai depositi alluvionali del fiume che sfocia proprio a ridosso di essa, la spiaggia di Marina di Torre Grande è una delizia per tutti coloro che amano il mare nel massimo della sua purezza e del suo splendore.

Ma non è tutto qui, oltre al mare ed alla spiaggia è interessante anche il paese vero e proprio, una località turistica che è notevolmente cresciuta negli ultimi decenni, diventano una delle mete privilegiate non solo degli abitanti di Oristano ma anche dei turisti provenienti dal resto dell’Italia e dall’estero. A torreggiare sul bel lungomare una torre di guardia, delle tante che nel corso del medioevo e fino al 1600 servivano a proteggere le coste della Sardegna dalle incursioni dei saraceni. La Torre Grande, così è chiamata, è sicuramente imponente per aspetto, ed è la più grande tra le torri di avvistamento dell’intera Sardegna.

Calasetta

Calasetta è un grazioso piccolo villaggio che si trova nell’estrema punta a nord dell’isola di Sant’Antioco, facente parte dell’arcipelago del Sulcis, insieme con San Pietro, l’Isola Piana ed una serie di piccoli isolotti disabitati, molto interessanti dal punto di vista naturalistico e paesaggistico.

Le scogiere dell'isola di San Pietro, vicino a Calasetta

Le scogiere dell’isola di San Pietro, vicino a Calasetta

La posizione della cittadina, e della sua linea costiera la rendono particolarmente apprezzabile perchè, per il suo orientamento e la conformazione dei territori leggermente collinari alle spalle permettono alla località di restare al riparo dalle grandi dei venti, sia di quelli provenienti da sud, lo scirocco ed il libeccio, sia dal freddo vento del nord, il maestrale, la cui presenza tuttavia rende assai piacevoli anche le più torride giornate estive, rinfrescando l’aria con la sua brezza leggera.

A Calasetta c’è anche un porticciolo turistico, pieno di imbarcazioni molto pittoresche con ancora l’antica struttura a vele latine, anche se, essendo i fondali bassi, non possono attraccare che imbarcazioni di piccole e medie dimensioni.

Tra le spiagge che troviamo intorno a Calasetta, alcune raggiungibili anche a piedi la magnifica spiaggia Saline, di sabbia bianca, con alle spalle una folta vegetazione tipica della macchia mediterranea in cui prevale il profumato ginepro e la Spiaggia Grande incantevole ed incontaminata, che termina verso un altro incantevole tratto di spiaggia, la Tonnara.

Ancora più a sud il pittoresco scorcio di Mangiabarche, un isolotto con il faro distante una ventina di metri dalla costa, ed un litorale da lasciare senza fiato a Nido dei Passeri, con le alte scogliere di granito che si gettano a capofitto nel mare: uno spettacolo unico ed emozionante.

Spiaggia di Bosa Marina

La spiaggia di Bosa Marina, insieme a quella di Porto Alabe e più vicino ancora la spiaggia di Turas, rappresenta uno dei motivi per cui questo piccolo borgo ha conosciuto negli ultimi decenni un enorme sviluppo soprattutto dell’industria turistica.

Un tempo Bosa era un piccolo villaggio la cui importanza era, più che per le poche attività che si svolgevano, per la sua posizione favorevole da un punto di vista strategico e militare.

xisolarossa1

Una bella spiaggia davanti ad Isola Rossa

Dominata da una bella torre cinquecentesca la grande spiaggia si estende dalla foce del fiume Temo, e si allunga per quasi un chilometro su un mare limpido e cristallino, più volte premiato come una dei mari più puliti dell’intero panorama di spiagge italiano, (le 5 vele di Legambiente).

Sul suo lato a nord a spiaggia confina con un grazioso porticciolo e con la sottile striscia di terra che collega un grande scoglio, Isola Rossa, alla terraferma.

La sabbia è bellissima per le sue sfumature dorate, e per gli scogli levigati che di quando in quando affiorano dal mare e si posano dolcemente sull’arenile.

La particolare posizione protetta da nord la rende particolarmente amata da chi non sopporta le grandi folate del maestrale che soffia sul mare, sebbene qui gli appassionati di windsurf, semplicemente allontanandosi dalla spiaggia possono godere di un vento costante e magnifico per le loro evoluzioni.

Sia verso il nord, intorno ad Isola Rossa, che verso il sud, ci sono fondali interessantissimi per chi ama le immersioni.