Le meravigliose spiagge della Sardegna
Booking.com

Isole Sardegna

Spiagge delle isole Li Nibani

Le isole Li Nibani si estendono di fronte all’omonima baia all’altezza della profonda insenatura davanti a Porto Cervo, una delle località più rinomate ed ammirate della costa nord della Sardegna, in piena Costa Smeralda.

E’ un gruppo di isole minori che fa capo al Parco Internazionale delle Bocche di Bonifacio, uno splendido arcipelago dove la natura esprime il meglio di se nello splendore selvaggio ed incontaminato della macchia mediterranea che florida e profumata di mille fragranze si fa strada tra le rocce di granito artisticamente levigate dall’opera di erosione degli agenti atmosferici. E’ una terra disabitata dall’uomo, se non durante il periodo estivo, e ricca di diverse specie di uccelli, gabbiani e falchi che abitano tra queste rocce.

Mare in Costa Smeralda

Mare in Costa Smeralda

Un mondo pittoresco ed unico circondato da uno dei tratti di mare più affascinanti dell’intero Mare Mediterraneo, acque dai colori cangianti e ricchi di sfumature cromatiche che spaziano dall’azzurro al verde smeraldo.

La spiaggia de Li Nibani si trova circondata dalla vegetazione all’interno dell’ampia baia di Porto Li Nibani, ed inoltrandosi nel territorio è possibile trovare piccole e minuscole insenature solitarie, l’ideale per chi è alla ricerca di solitudine e tranquillità.

Per i più sportivi una bella escursione fin sulla cima di Monte Zoppu, una camminata di una certa difficoltà, regala una vista suggestiva di tutto il litorale, da cui si possono ammirare in lontananza la sagoma piatta e monolitica dell’isola Tavolara, e di altre selvagge isolette, Mortorio e Soffi, Capo Figari, le ville di Romazzino, e la bella baia del golfo di Pevero.

Spiaggia di Isola delle Bisce

Isola delle Bisce è un piccolo isolotto affiorante a poca distanza dall’isola di Caprera all’interno di quel meraviglioso e poetico territorio che si apre all’estremo nord est della Sardegna, l’Arcipelago della Maddalena, dove isole ed isolotti dall’aspetto selvaggio ed incontaminato fanno a gara per conquistarsi l’ammirazione dei tanti turisti e visitatori che ogni estate affollano questo tratto di costa attirati dallo splendido paesaggio del mare e delle coste.

Isola delle Bisce

Isola delle Bisce

L’isola è praticamente disabitata, coperta della vegetazione tipica della zona, macchia mediterranea composta di profumatissimi arbusti, mirto e ginepro, e si staglia piatta e rocciosa con le scogliere che si gettano a capofitto nel mare davanti alla costa all’altezza di Cala Granu e Capo Ferro, appena oltre il piccolo agglomerato urbano di Liscia di Vacca. L’isola appartiene al Parco Internazionale delle Bocche di Bonifacio ed è terra di rifugio di molte specie di uccelli marini.

E’ una località davvero esclusiva, perchè per raggiungere la bella spiaggia sul lato occidentale dell’isolotto, Cala Bisce, è necessario trovare un passaggio da una delle tante barche che offrono escursioni guidate lungo le tante belle isole dell’arcipelago. E’ chiaramente più impegnativo raggiungerla rispetto ad altre località, ma chi vi si reca non rimpiange certo la fatica fatta.

E’ un luogo incantevole per chi vuole concedersi una giornata all’insegna del piacere e del relax e per i tanti appassionati di immersioni che possono trovare tra i fondali che si estendono lungo le isole un paesaggio di suggestiva bellezza, un vero e proprio paradiso naturale dove si inseguono e nuotano affascinanti creature marine.

Spiagge dell’Isola Giardinelli

Isola Giardinelli è uno dei tanti paradisi che il visitatore incontra inoltrandosi tra il fantastico arcipelago di isole della Maddalena. Poco distante dal centro abitato della Maddalena, proseguendo verso est e superando una località altrettanto incantevole, Cala Petecchia ci si ritrova davanti ad uno stretto istmo che collega l’isola di Giardinelli all’Isola Maddalena.

Panorama dell'arcipelago della Maddalena

Panorama dell'arcipelago della Maddalena

Qui il panorama è decisamente di quelli che tolgono il respiro per la stupenda bellezza, un susseguirsi di spiagge e calette intervallate da gruppi di scogli e rocce di granito dai colori notevolmente variegati, che sfumano dal grigio rosato al rosso acceso e che si presentano all’occhio di chi li ammira in tutto il loro splendore. La sabbia tra le insenature e le rocce è quasi dappertutto di un bel tono bianco brillante, ed il contrasto con i colori delle acque, varianti dall’azzurro acceso al verde smeraldo fanno di questo angolo di Sardegna un vero e proprio paradiso, indimenticabile per chi ha trascorso qui almeno qualche giornata. Il mare soprattutto nel periodo estivo è quasi sempre dolcemente calmo e permette agli appassionati di nuotate ed immersioni di trascorrere lunghe ore a bagno.

Tutto intorno la natura compete per bellezza con il litorale, presentando una vegetazione selvaggia ed incontaminata, dove tra i pini si rincorrono i profumati arbusti della macchia mediterranea che si spingono fino a lambire le spiagge. E’ inevitabile rimanere abbagliati da tanta bellezza così concentrata in pochi chilometri quadrati, ed è questo il motivo per cui soprattutto d’estate chi vi si reca incontra lungo il suo cammino molti altri estimatori di tanto generoso splendore.

Spiagge dell’isola di Spargi

L’Isola di Spargi è la terza per estensione tra le isole dell’Arcipelago della Maddalena, un incantevole agglomerato di terre affioranti dalle acque proprio davanti alla costa nord orientale della Sardegna.

Spargi

Spargi

E’ uno dei panorami più ammirati dell’isola, per il connubio ideale tra il mare dalle colorazioni mutevoli e cangianti dall’azzurro al verde smeraldo e le magnifiche conformazioni rocciose dei gruppi di granito grigi e rosati che millenni di erosione degli agenti atmosferici hanno scolpito in suggestive ed evocative figure. Nelle spiagge che si aprono tra le decine di insenature dell’isola si possono infatti ammirare veri e propri miracoli di sculture naturali, che da tempi remoti hanno stimolato la fantasia di coloro che le guardavano: lo Scoglio della Strega, il Bulldog, il Corno di Rinoceronte, lo Stivale, svettano sulle incantevoli distese di sabbia bianchissima.

Anche la vegetazione dell’isola è notevole per ricchezza e splendore, grazie alla presenza di diverse sorgenti d’acqua che ne permettono lo sviluppo. Tra le specie animali trionfano le capre e diverse specie di uccelli migratori, ben prima dei moderni bagnanti hanno eletto questo isolotto come luogo di sosta e di passaggio nelle loro instancabili migrazioni.

Durante la stagione estiva l’isola è letteralmente presa d’assalto da migliaia di visitatori che si recano lì per ammirarne la selvaggia bellezza. Tra le spiagge più conosciute e rinomate quelle della costa meridionale, Cala Corsara, e quelle della costa orientale, Cala Soraia, Cala Conneri ed infine Cala Granara. Da non mancare una visita alle ormai dismesse fortificazioni militari risalenti alla seconda guerra mondiale.

Spiaggia di Isola Rossa

Una fascia costiera di grande bellezza, ricca di interessanti strutture turistiche e residenziali è quello che offre la località di Isola Rossa, una delle più rinomate per chi si reca in vacanza in Sardegna.

Che incanto le spiagge!

Che incanto le spiagge!

Qui la scelta è infinita tra gli innumerevoli paesaggi che si possono trovare. C’è infatti chi preferisce le lunghe lingue di sabbia candida e dalle mille colorazioni, bianchissima o dorata, scura per la presenza di ferro oppure leggermente rosata per la presenza dei graniti e chi si diletta a tuffarsi dall’alto delle lisce scogliere levigate dall’erosione, e si immerge con la maschera e le pinne per esplorare i magnifici fondali ricchi di creature marine di ogni specie.

Nel comune di Trinità d’Agultu, di cui Isola Rossa è una delle spiagge più rinomate si possono trovare altri tratti costieri veramente interessanti come spiaggia Longa, che si trova proprio all’ingresso del paese, racchiusa da due gruppi di scogli particolarmente suggestivi, Li Bicchi Rossi e la scogliera del belvedere.

E’ una striscia di sabbia che può essere in estate particolarmente affollata proprio perchè si trova a pochi passi dalla cittadina, chi è in cerca di ulteriore quiete e relax si può spingere fino alla poco distate spiaggia La Marinedda, dove il mare di un inconfondibile color smeraldo affascina per il contrasto con le rocce granitiche di una intenza colorazione rossa. Da non mancare, dopo un’intensa giornata trascorsa sulla spiaggia una visita la paese, che possiede interessanti monumenti tra i quali una chiesa del diciottesimo secolo.

Spiagge dell’isola della Maddalena

L’isola Maddalena è la più grande di uno dei raggruppamenti di isole tra i più incantevoli non solo della Sardegna ma dell’intero Mare Mediterraneo.

Vista della Maddalena

Vista della Maddalena

Posto all’estremo nord della Sardegna, nel tratto di mare che la separa dalla Corsica all’altezza di Bonifacio l’Arcipelago della Maddalena è una delle mete inevitabili per chi è alla ricerca non solo di acque limpide e cristalline, ma anche di chi vuole godere appieno di un paradisiaco paesaggio in cui tutti gli elementi fanno a gara per lasciare stupefatto il visitatore.

Dalla natura selvaggia e rigogliosa, pini e macchia mediterranea dalle profumate fragranze, alle rocce di granito, dai colori cangianti, rosati e grigi, rossi o bianco panna, dalla spiagge bianchissime di sabbia fine al mare cristallino che si colora delle mille sfumature dell’azzurro e del verde, tutto ciò che si può vedere ed osservare lascerà un indelebile ricordo in chi vi si reca in vacanza. L’isola della Maddalena si raggiunge comodamente coi i traghetti a Palau, ed è l’unica tra le isole dell’arcipelago ad avere un centro abitato anch’esso affascinante e situato sul lato sud dell’isola.

Tra le spiagge più interessanti troviamo verso est Cala Petecchia e, separata da un istmo di terra l’isola Giardinelli, mentre a nord Cala Lunga dove si apre il porticciolo di Porto Massimo, incantevole ricovero per le imbarcazioni. Tra le altre località da non perdere per nessuna ragione Abbatoggia, e la bella insenatura di Stagno Torto, con le spiagge del Castellino e Monte di Rena, Punta Cannone e la spiaggia dello Strangolato. Paradisiaca ed ampiamente frequentata, dopo la Punta di Gardiamaiore la spiaggia di Bassa Trinità, ed altrettanto bella ma decisamente più solitaria Cala Francese.